Riformisti Italiani

M.O.: Stefania Craxi, errori dell'Ue, manca l'Italia di Sigonella

M.O.: Stefania Craxi, errori dell'Ue, manca l'Italia di Sigonella
— 08 OTTOBRE 2015 —

 "La Fondazione Craxi, nella ricorrenza del 30esimo anniversario del sequestro dell''Achille Lauro', ha inteso compiere, con rigore storico ed onestà intellettuale, un'operazione verità, tesa a fare piazza pulita delle mistificazioni volte a gettare fango sul protagonista di questa storia e su un pezzo di storia italiana".

Lo ha affermato Stefania Craxi, presidente della Fondazione Bettino Craxi, in occasione dell'anteprima del docufilm 'La notte di Sigonella', organizzata a Roma in occasione dell'uscita dell'omonimo volume edito da Mondadori. "L'azione di Craxi -ha proseguito la figlia del leader socialista- non è mai stata tesa a lasciare impuniti gli assassini di Klinghoffer, ma semplicemente a far rispettare le leggi italiane ed il diritto internazionale, dimostrando che si poteva e si può essere leali alleati degli Usa e contemporaneamente una nazione sovrana. Ciò che spiace e che se l'Europa fosse stata quella voluta da Craxi e non quella di oggi della Merkel, ci saremmo risparmiati tanti spargimenti di sangue e le tragedie epocali che dal Mediterraneo giungono fino a noi".

"Fa pertanto male osservare che quell'Italia, l'Italia di Sigonella, che aveva prestigio e voce in capitolo sulla scena internazionale, oggi non c'è più; basti vedere come sono stati trattati i nostri governi sulla vicenda dei Marò e l'incapacità di portare a casa i nostri due fucilieri, cui dedico questo cortometraggio".

Stefania Craxi ha poi ringraziato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per il messaggio inviato e ha riservato un passaggio a Silvio Berlusconi, "ancora una volta al mio fianco a testimoniare il suo affetto e la sua vicinanza alla Fondazione Craxi".